A San Giustino ordinati tre nuovi sacerdoti: don Carlo, don Nicholas e don Luigi - La funzione presieduta dall’arcivescovo Bruno Forte
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Chieti   Attualità 26/06

A San Giustino ordinati tre nuovi sacerdoti: don Carlo, don Nicholas e don Luigi

La funzione presieduta dall’arcivescovo Bruno Forte

Don Nicholas, don Carlo, monsignor Forte e don Luigi [foto di Andrea Milazzo]La diocesi di Chieti-Vasto fa festa per l'ordinazione sacerdotale di tre giovani. Ieri, nella cattedrale di San Giustino di Chieti, con gli ingressi contingentati per attenersi alle disposizioni anti-Covid, l'arcivescovo Bruno Forte ha presieduto la solenne celebrazione in cui sono divnetati sacerdoti don Carlo Di Francesco di Cupello, don Nicholas Di Crescenzo di Guardiagrele e don Luigi Genovesi di Atessa.

Don Carlo Di Francesco, 26 anni, che sarà il nuovo parroco di Palombaro, celebrerà la prima messa domenica 28 giugno, alle 18.30 a Cupello, all'aperto in piazza Garibaldi. Don Nicholas Di Crescenzo, 28 anni ad agosto, celebrerà la prima messa domenica 28 giugno alle 18.30 in piazza Garibaldi a Guardiagrele e poi sarà parroco di Archi. Don Luigi Genovesi, 26 anni, celebrerà la sua prima messa alle 11.15 a San Leucio, ad Atessa, e poi alle 19 in piazza Garibaldi. Sarà parroco a Bomba e Pennadomo.

Al termine della celebrazione in cattedrale, è stato don Nicholas ad esprimere i ringraziamenti a nome dei tre novelli sacerdoti che, in questi anni, hanno condiviso l'esperienza nel seminario di Chieti. Rivolgendosi all'arcivescovo Forte ha espresso il il "grazie per l’esempio di uomo di Fede e preghiera che in questi anni ci ha donato, per la presenza di pastore buono che mai è venuta a mancare". I tre giovani sacerdoti hanno ricordato come la "culla della nostra vocazione sono state le nostre famiglie. Dall’ingresso in seminario a oggi hanno saputo custodire il dono che il Signore ci ha fatto. Grazie per il dono prezioso della vita e dell’amore".

Parole di affetto per "le nostre comunità parrocchiali di origine, San Leucio in Atessa e San Remigio in Fara San Martino, Natività di Maria Santissima in Cupello, Santa Maria Maggiore e San Nicola di Bari in Guardiagrele, che ci hanno accompagnato in questo cammino di crescita con l’affetto e la preghiera". Un grazie anche alle comunità e ai parroci che i tre giovani hanno incontrato nel loro cammino durante il periodo degli studi e che li hanno accompagnati condividendo la loro missione pastorale.

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi