Ricci di mare pescati abusivamente: in tre multati per oltre 5mila euro - Operazione della Guardia Costiera di Ortona
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Ortona   Cronaca 27/06

Ricci di mare pescati abusivamente: in tre multati per oltre 5mila euro

Operazione della Guardia Costiera di Ortona

Duemila ricci di mare, pescati abusivamente, sono stati sequestrati la scorsa notte dalla Guardia Costiera di Ortona. Multati tre uomini, provenienti dalla Puglia, mentre stavano facendo ritorno a casa con il ricco bottino.

"La costa teatina, purtroppo, continua ad essere meta ambita dai pescatori di frodo di ricci provenienti da altre regioni del sud Italia, dove il mercato in nero di tali prodotti è molto redditizio. Per questo le attività di contrasto della Capitaneria divengono sempre più mirate, svolte con ausilio di telecamere e attività di intelligence sui veicoli coinvolti ed i soggetti recidivi", spiega una nota della Guardia Costiera.

Due tra i veicoli segnalati sono stati avvistati nella zona del faro di Ortona, dove il personale della Capitaneria, "in abiti borghesi per non destare sospetti all’informatore presente sulla scogliera adiacente la zona di pesca, ha attuato una lunga attività di appostamento in attesa del rientro a terra dei subacquei. L’appostamento si è concluso alle 2.00 del mattino, quando i militari della Guardia Costiera sono usciti allo scoperto proprio mentre i due subacquei, ed il loro complice rimasto a terra, erano in procinto di caricare il prodotto in macchina per ripartire. Ai tre soggetti, tutti pugliesi (dell’area di Trani), sono state comminate sanzioni per oltre 5.000 €. Tra le violazioni contestate anche l’accesso in zone interdette del porto di Ortona". Sequestrata l’intera attrezzatura da sub, con tanto di bombole e mute professionali, mentre il bottino di pesca, quasi 2.000 ricci di mare ancora vivi, è stato rigettato in mare.

“Il riccio è una ricchezza tipica dei nostri mari - dichiara il Comandante della Guardia Costiera C.F. Cosmo Forte -, indice anche del buono stato di salute dei nostri fondali. Continueremo a tutelare la sua presenza da queste scorribande irrispettose del mare e dell'ambiente".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi