"La caccia notturna è pericolosa, noi cacciatori di cinghiali non siamo stati neanche consultati" - La lettera dei cinghialai d’Abruzzo all’assessore regionale Emanuele Imprudente
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Pescara   Attualità 03/07

"La caccia notturna è pericolosa, noi cacciatori di cinghiali non siamo stati neanche consultati"

La lettera dei cinghialai d’Abruzzo all’assessore regionale Emanuele Imprudente

Cinghiale vicino alla statale 16 a VastoLa caccia notturna è insicura. Troppi rischi. I cinghialai d'Abruzzo non usciranno nottetempo per sparare ai cinghiali. E chiedono un incontro al vivepresidente della Regione e assessore ad Agricoltura, Caccia e Pesca, Emanuele Imprudente, cui il Consci (coordinamento nazionale squadre cinghiale-regionale Abruzzo) ha scritto una lettera per spiegare le ragioni di centinaia di cacciatori.  

La lettera - "'Due anni prima che scoppiasse la guerra, si era rotta la corda della campana... da allora in poi il campanaro ha segnato le ore sparando in aria col fucile da caccia: uno, due, tre, quattro, spari'.
È l'incipit del volume Se non ora, quando di Primo Levi, dal quale traspare come, nella cultura contadina - dalla quale noi proveniamo - i cacciatori avevano un ruolo riconosciuto e accettato.

Un ruolo che oggi ci legittima pienamente, non meno di altre categorie o associazioni, ad intervenire nel dibattito sui danni causati dalla fauna selvatica alle colture agricole e alla circolazione stradale; siamo, infatti - insieme agli agricoltori - i migliori conoscitori del territorio e della fauna che lo popola.

Non solo, quella dei cacciatori di cinghiali è la prima categoria di civili, chiamati ad intervenire fattivamente alla soluzione del delicato problema; e non è un caso, visto che si tratta di una categoria super specializzata, con corsi di selecacciatore, conduttore di cane limiere eccetera, per tacere dei corsi e delle prove selettive sull'uso delle armi in piena sicurezza.

È per questi motivi che ci siamo meravigliati per non essere stati nemmeno consultati, alla vigilia della modifica del Disciplinare per la caccia di selezione, con l'estensione della attività selettiva fino alla mezzanotte (anziché oltre un'ora dopo il tramonto, come previsto in precedenza). Come abbiamo già avuto modo di evidenziare, questa disposizione rischia di essere, essa stessa, fonte di maggiori problemi di quelli che vorrebbe risolvere. Come conciliare la doverosa sicurezza con la caccia di notte, stante il divieto inderogabilmente imposto dal legislatore nazionale, all'uso di visori notturni, fonti luminose, termocamere eccetera. Come faranno, questi cacciatori, ad individuare - con certezza assoluta - l'animale, la classe di età e il sesso, come previsto dalle norme sulla selezione, alle 23.30? Come faranno ad accertare, di notte senza alcun dubbio, che l'area circostante il bersaglio sia libera da pericoli, o che il proiettile non possa rimbalzare a chilometri di distanza?

In passato, abbiamo anche chiesto alcune modifiche al Piano faunistico venatorio regionale come, ad esempio, l'eliminazione dell'orario di inizio della braccata alle 9 o l'attuazione agli Ambiti territoriali di caccia della possibilità di individuare il numero dei cani da seguita da impegnare nelle braccate (sono gli Atc, infatti, i veri conoscitori delle caratteristiche del loro territorio, atteso anche che la braccata locale è mediamente composta da meno di 10 cacciatori, a differenza di quella toscana ed altre.

Presidente Imprudente, lasci che anche noi cacciatori di cinghiali prendiamo parte alla ricerca delle soluzioni di questo problema, quali operatori specializzati e titolati ad intervenire sul Piano faunistico venatorio. Si faccia promotore di un coinvolgimento culturale di tutte e parti sociali per la tutela degli imprenditori agricoli e della circolazione stradale. Ci convochi al più presto, 'se non ora, quando'"?

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi