Inaugurato il Covid Hospital di Pescara: "Esempio per l’Italia, farà fronte a qualsiasi emergenza" - Taglio di nastro nella sede dell’ex Ipav
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Pescara   Attualità 15/07

Inaugurato il Covid Hospital di Pescara: "Esempio per l’Italia, farà fronte a qualsiasi emergenza"

Taglio di nastro nella sede dell’ex Ipav

Le note dell'Inno di Mameli e dell'aria pucciniana All'alba vincerò, intonate dal tenore Piero Mazzocchetti, hanno preceduto, ieri pomeriggio, l'inaugurazione del Covid Hospital di Pescara realizzato all'interno del padiglione dell'ex Ipav. Il nuovo presidio ospedaliero è stato completato in meno di tre mesi grazie ai fondi stanziati dalla Protezione Civile, dalla Banca d'Italia e dalla Asl di Pescara per 11 milioni di euro.

"Consegniamo alla città e all'intera regione una struttura d'eccellenza, con quindici giorni di anticipo rispetto alla data di consegna prevista e un risparmio di due milioni e mezzo di euro – ha detto il presidente della Regione, Marco Marsilio – Abbiamo preso un locale abbandonato, una delle tante incompiute, e in meno di 90 giorni siamo riusciti a realizzare un centro di eccellenza del quale dobbiamo essere fieri. Se mai dovesse arrivare un nuovo picco di contagio, avremo una struttura capace di fare fronte a qualsiasi emergenza. L'opera che consegniamo si inserisce nel piano complessivo della rete sanitaria regionale che rappresenta motivo di orgoglio. La nostra è passata dall'essere una regione canaglia per la gestione della sanità a una delle prime in Italia per capacità di progettare e attuare quanto previsto".

Presente alla cerimonia, che ha visto la partecipazione dei più autorevoli esponenti del mondo politico e della amministrazione regionale, anche l'assessore alla Sanità, Nicoletta Verì: "Per noi si tratta di un punto di arrivo importante, che fa della Regione Abruzzo una tra le prime in Italia. A renderci ancora più soddisfatti è sapere che anche dopo l'emergenza Covid questa struttura rimarrà a disposizione della rete ospedaliera a differenza di quanto accaduto in altre città dove gli ospedali Covid sono stati smantellati. Una felice sinergia e un esempio di buona pratica a livello nazionale e internazionale".

Alla cerimonia di inaugurazione, oltre al presidente del consiglio regionale, Lorenzo Sospiri, e al sindaco di Pescara, Carlo Masci, è intervenuto anche il direttore generale facente funzioni, Antonio Caponetti, cui subentrerà, a partire da lunedì 20, il nuovo direttore generale della Asl di Pescara, Vincenzo Ciamponi. Presente anche la dottoressa Santuccione, patologa e neuroscienziata originaria di Cepagatti, alla guida della fondazione Women's Brain Project. 

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi