Ex stazioni ferroviarie sulla Via Verde, Sputore: "Le comprerà la Provincia" - "Fs vuole 4 milioni. Useremo soldi della vendita dell’ex Mario Negri Sud"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Chieti   Politica 24/07

Ex stazioni ferroviarie sulla Via Verde, Sputore: "Le comprerà la Provincia"

"Fs vuole 4 milioni. Useremo soldi della vendita dell’ex Mario Negri Sud"

La Provincia di Chieti vuole comprare dalle Ferrovie dello Stato le vecchie stazioni abbandonate lungo la Via Verde della Costa dei Trabocchi, la pista ciclopedonale di 42 chilometri in costruzione sull'ex tracciato della linea ferroviaria adriatica. 

L'intenzione dell'amministrazione provinciale è emersa per la prima volta ieri pomeriggio, durante la nuova puntata di Timeout, in cui si sono confrontati Vincenzo Sputore (Pd) e Guido Giangiacomo (Forza Italia)

"La Provincia di Chieti sta lavorando sull'acquisizione di tutte le stazioni che sono sulla Via Verde, quindi anche quelle di Vasto, San Vito e Fossacesia", ha detto Sputore, consigliere provinciale delegato alla ciclovia. "La Provincia ha in mente un'idea che fa seguito all'operazione relativa al Mario Negri Sud", ossia la recente vendita all'Amil, per 10 milioni di euro, della sede dell'istituto di ricerca, chiusa dal 2015 [LEGGI]. "Ci potrebbero essere buone possibilità per l'acquisto, da parte della Provincia di Chieti, di tutti questi immobili e poi vedere il da farsi. Rfi chiedeva 4 milioni di euro. Nel momento in cui si concretizza l'operazione su un immobile importante come quello del Mario negri Sud, possiamo pensare all'acquisto di queste aree". Degli scali ferroviari dismessi si parla dal minuto 4 di Timeout:

 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi