Cgil: "In Abruzzo oltre cento vertenze occupazionali che coinvolgono migliaia di lavoratori" - Ranieri: "Con la crisi causata dal Covid le aziende potrebbero delocalizzare"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Pescara   Cronaca 15/08

Cgil: "In Abruzzo oltre cento vertenze occupazionali che coinvolgono migliaia di lavoratori"

Ranieri: "Con la crisi causata dal Covid le aziende potrebbero delocalizzare"

La zona industriale di San Salvo. Tra le aziende che risentono più pesantemente della crisi c'è la Pilkington di San SalvoOltre cento vertenze occupazionali in Abruzzo, dove sono a rischio migliaia di posti di lavoro. E, con la crisi causata dall'emergenza coronavirus, molte aziende potrebbero decidere di andare all'estero.

La Cgil lancia il grido d'allarme: "La situazione - afferma il segretario regionale, Carmine Ranieri - è pesante: ci sono multinazionali che hanno annunciato la chiusura. È un segnale molto preoccupante: con la crisi Covid potremmo avere realtà che, per scelte puramente aziendali, decideranno di ridurre la filiera e delocalizzare. Alle vecchie vertenze che non hanno trovato soluzione se ne aggiungono di nuove. Migliaia gli interessati. Quando chiude una grande impresa c'è sempre un effetto moltiplicatore negativo per l'indotto".

Il prossimo futuro è tutt'altro che roseo: "A settembre ci sarà da lavorare intensamente", prevede Ranieri. "Dovremo cercare di aiutare anche le piccole e medie imprese, che hanno un ruolo fondamentale in Abruzzo. L'occupazione dovrebbe essere rilanciata anche con investimenti pubblici. Penso al Masterplan: quegli interventi dovrebbero partire subito e invece sono stati de-finanziati".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi