Percepiva il reddito di cittadinanza, ma lavorava in nero in ristorante: disonesto smascherato - A Fossacesia locale con il 20% dei lavoratori non in regola
Scopri di più CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Ortona   Cronaca 16/08

Percepiva il reddito di cittadinanza, ma lavorava in nero in ristorante: disonesto smascherato

A Fossacesia locale con il 20% dei lavoratori non in regola

I militari della compagnia carabinieri di Ortona e del nucleo carabinieri Ispettorato del lavoro di Chieti, durante i controlli della campagna "Ferragosto 2020" disposta dal comando generale dell’Arma per verificare il rispetto delle norme anticovid e di quelle in materia di lavoro nei ristoranti, stabilimenti balneari e nei luoghi di intrattenimento, hanno eseguito, nel lungo week-end di ferragosto, una serie di controlli in diversi esercizi pubblici del tratto litoraneo compreso tra Ortona e Fossacesia.

In particolare, in due ristoranti, uno in località "Lido Riccio" di Ortona e l’altro sul lungomare di Fossacesia, i militari hanno accertato diverse violazioni. A Ortona, sono stati scoperti due lavoratori in nero, di cui uno, tra l’altro, percettore del reddito di cittadinanza, e contestate al legale rappresentante dell’esercizio pubblico sanzioni ammnistrative per poco più di 10mila euro.

A Fossacesia, invece, è stato trovato nel ristorante un lavoratore non assunto e contestata una sanzione amministrativa di 3.600 euro. In questo caso è stata anche disposta nei confronti del titolare la sospensione dell’attività imprenditoriale in quanto il numero di lavoratori in nero era pari o superiore al 20% del totale dei lavoratori presenti sul luogo di lavoro.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi