Percepiva il reddito di cittadinanza, ma lavorava in nero in ristorante: disonesto smascherato - A Fossacesia locale con il 20% dei lavoratori non in regola
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


19 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Ortona   Cronaca 16/08

Percepiva il reddito di cittadinanza, ma lavorava in nero in ristorante: disonesto smascherato

A Fossacesia locale con il 20% dei lavoratori non in regola

I militari della compagnia carabinieri di Ortona e del nucleo carabinieri Ispettorato del lavoro di Chieti, durante i controlli della campagna "Ferragosto 2020" disposta dal comando generale dell’Arma per verificare il rispetto delle norme anticovid e di quelle in materia di lavoro nei ristoranti, stabilimenti balneari e nei luoghi di intrattenimento, hanno eseguito, nel lungo week-end di ferragosto, una serie di controlli in diversi esercizi pubblici del tratto litoraneo compreso tra Ortona e Fossacesia.

In particolare, in due ristoranti, uno in località "Lido Riccio" di Ortona e l’altro sul lungomare di Fossacesia, i militari hanno accertato diverse violazioni. A Ortona, sono stati scoperti due lavoratori in nero, di cui uno, tra l’altro, percettore del reddito di cittadinanza, e contestate al legale rappresentante dell’esercizio pubblico sanzioni ammnistrative per poco più di 10mila euro.

A Fossacesia, invece, è stato trovato nel ristorante un lavoratore non assunto e contestata una sanzione amministrativa di 3.600 euro. In questo caso è stata anche disposta nei confronti del titolare la sospensione dell’attività imprenditoriale in quanto il numero di lavoratori in nero era pari o superiore al 20% del totale dei lavoratori presenti sul luogo di lavoro.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi