Crisi idrica nel Vastese, autorizzati i prelievi dal Trigno per abitazioni e aziende - Dichiarato lo stato di emergenza idrica
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

L'Aquila   Attualità 31/08

Crisi idrica nel Vastese, autorizzati i prelievi dal Trigno per abitazioni e aziende

Dichiarato lo stato di emergenza idrica

La giunta regionale, nella seduta dello scorso 29 agosto ha dichiarato "lo stato di emergenza idrica nell’area del Vastese a causa del perdurare della grave carenza idrico-potabile , nel comprensorio dell’Ambito Chietino". A darne notizia è il vicepresidente della giunta Emanuele Imprudente che ricorda come la Regione "ha stanziato nei mesi scorsi un ulteriore finanziamento di 6,9 milioni di euro al gestore SASI per il superamento della criticità idrica nel vastese".

La giunta ha autorizzato "l’Ente Regionale del Servizio Idrico, fino alla data del 30 settembre 2020, al prelievo dal fiume Trigno da convogliare presso l’impianto di potabilizzazione ubicato nel comune di San Salvo per l’approvvigionamento idrico potabile di emergenza nei comuni di Vasto e San Salvo" e autorizzato "l’ARAP, fino alla data del 30 settembre 2020, al prelivo dal fiume Trigno per l’approvvigionamento idrico potabile e industriale dell’agglomerato industriale di San Salvo".

L'autorizzazione "viene rilasciata fatta salva la preventiva acquisizione delle autorizzazioni sanitarie per l’utilizzazione dell’acqua ad uso potabile rilasciate dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione dell’ASL competente". Per Imprudente, "grazie alla continua attenzione e al lavoro di coordinamento dell'ERSI, Ente regionale servizio idrico, con SASI si è stati in grado di dare una risposta iniziale tempestiva e concreta alle segnalazioni di sindaci e amministratori locali circa le pressioni, le perdite ed altro, che ha consentito di arrivare fino a due giorni fa senza entrare in una grave emergenza idrica, utilizzando tecnici e sistemi specifici competenti in  materia".

Secondo l'assessore al sistema idrico integrato "sarebbe stato opportuno arrivare a queste azioni già anni addietro per evitare i numerosi problemi alla popolazione. La giunta regionale ha tamponato l'emergenza ma, per risolvere il problema, bisogna utilizzare le ingenti risorse già a disposizione della SASI e responsabilizzare il governo nazionale e il ministro competente visto l'imponente costo dell'operazione generale".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi