Sospetti pacchi bomba a Pescara: strade chiuse e artificieri in azione - Le minacce davanti a tribunale, Asl e altri edifici pubblici
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


19 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Pescara   Cronaca 09/09

Sospetti pacchi bomba a Pescara: strade chiuse e artificieri in azione

Le minacce davanti a tribunale, Asl e altri edifici pubblici

foto Ansa

ore 14.00 - Sono stati fatti tutti brillare i sospetti pacchi bomba trovati questa mattina in varie zone di Pescara e in particolare nei pressi del Tribunale, della sede del Comando Provinciale dell'Arma e del Distretto ASL di via Rieti. I pacchi sospetti erano delle buste postali imbottite utilizzate per le spedizioni e al cui interno sono stati rinvenuti della plastilina e dei fili elettrici, ma nessun ordigno. Come confermato da fonti investigative, uno dei sospetti pacchi bomba è stato trovato dinanzi il portone dell'abitazione di un magistrato che lavora per la Procura di Pescara. Su tutti i pacchi sospetti era attaccato un volantino con minacce nei confronti del Pm. Proseguono le indagini che starebbero seguendo una pista in particolare.

ore 9.00 - Da questa mattina molte strade di Pescara sono blindate dopo che, davanti ad alcuni edifici pubblici della città, sono stati rinvenuti dei pacchi sospetti. I pacchi sono stati rinvenuti "in viale D'Annunzio nei pressi del Comando Provinciale dell'Arma, davanti al Tribunale, nei pressi della Camera di Commercio, angolo con via Marco Polo, via Regina Margherita e dinanzi il distretto ASL di via Rieti, quest'ultimo evacuato in via precauzionale", riferisce l'Ansa. 

Nei cinque punti della città è stata piazzata una busta gialla con un volantino, scritto al pc e con diversi errori ortografici su cui si legge "Oggi salteranno in aria 4 palazzi simboli della città di Pescara" e poi prosegue con offese e minacce ad un magistrato. 

Immediatamente sono stati attivati i protocolli con l'arrivo sul posto di polizia, carabinieri, vigili del fuoco, artificieri e sanitari del 118. Le zone sono state transennate e inibite al passaggio di auto e pedoni. Alcuni dei pacchi sospetti, in via D'Annunzio e via Regina Margherita, sono stati già fatti brillare.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi