"Io non rischio": oggi sulla "piazza virtuale" l’evento Unitalsi su come affrontare le calamità - Appuntamento alle 10 sulla pagina Facebook dell’Unitalsi abruzzese
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Pescara   Attualità 11/10

"Io non rischio": oggi sulla "piazza virtuale" l’evento Unitalsi su come affrontare le calamità

Appuntamento alle 10 sulla pagina Facebook dell’Unitalsi abruzzese

"Quest'anno la campagna Io non rischio della Protezione civile, a cui l'Unitalsi partecipa, si svolgerà in maniera particolare. Non più, come di consueto, nelle piazze della città, ma in modalità telematica attraverso una piazza virtuale" con "testimonianze di chi ha vissuto eventi calamitosi e per imparare le buone pratiche della Protezione civile". Così l'Unitalsi annuncia l'appuntamento di oggi in Abruzzo, visibile sulla pagina Facebook "Io non rischio Unitalsi sezione abruzzese Protezione civile".

La giornata inizierà alle 10 col saluto del presidente regionale dell'Unitalsi, Alessandra Bascelli, e continuerò con gli interventi dell'assistente di sottosezione, don Matteo Baiocco, del presidente della sottosezione di Pescara, Federica Bucci. Poi i saluti dei sindaci di Atri, Piergiorgio Ferretti, e Controguerra, Franco Carletta, e dell'assessore alla Protezione civile del Comune di Vasto, Gabriele Barisano; quindi l'intervento della geologa Daniela De Angelis sul terremoto, l'llustrazione dei comportamenti da adottare in caso di maremoto e terremoto e le conclusioni affidate alla responsabile di Protezione civile Unitalsi Abruzzo, Valentina Bravi.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi