Marsilio: "In tre mesi decuplicati i contagi. Evitare atteggiamenti irresponsabili" - Covid-19, l’appello del presidente della Regione Abruzzo
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


19 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

L'Aquila   Cronaca 13/10/2020

Marsilio: "In tre mesi decuplicati i contagi. Evitare atteggiamenti irresponsabili"

Covid-19, l’appello del presidente della Regione Abruzzo

Marco Marsilio"La tanto temuta seconda ondata è arrivata. I numeri ormai consolidati lo dimostrano, in Abruzzo come nel resto del Paese. Faccio appello al senso di responsabilità degli abruzzesi. Evitiamo atteggiamenti irresponsabili che possono arrecare danni incalcolabili". È il messaggio del presidente della Regione, Marco Marsilio, dopo la conferenza Stato-Regioni e il varo del Dpcm con cui il Governo Conte ha imposto misure restrittive per contenere il contagio da Covid-19.

"Alzando il livello di attenzione eviteremo restrizioni più dolorose. Nel giro di tre mesi abbiamo moltiplicato per dieci il numero dei contagi. Dobbiamo imparare a convivere con questo nemico invisibile fino a quando non avremo la disponibilità di un vaccino". 

Marsilio ieri sera ha presieduto una riunione con funzionari delle Prefetture, presidenti delle Province, sindaci di L'Aquila, Pescara, Chieti e Teramo, direttori generali delle Asl e rappresentanti dell'Istituto zooprofilattico. Per la Regione, presenti anche l'assessora alla Sanità, Nicoletta Verì, il direttore dell'agenzia regionale di Protezione civile, Mauro Casinghini, e il capo della task-force sanitaria regionale, Alberto Albani.

"Pensavamo - dice Marsilio - che l'emergenza fosse terminata a luglio con zero contagi e che, con un po' di ottimismo, non arrivasse più. Ma così non è stato". Rispetto a marzo e aprile, i mesi del lockdown, c'è "una differenza importante", perché "abbiamo sviluppato una grande capacità di intercettare i malati. Prima si facevano i tamponi solo su quelli che mostravano grossi sintomi, mentre i familiari venivano messi in quarantena. Oggi le persone vengono intercettate subito. Le persone vicine vengono sottoposte a loro volta a tampone. Se positive, più del 90 per cento non sviluppa sintomi. Possono restare a casa a gestire il periodo di quarantena. Oggi abbiamo terapie farmacologihe antivirali efficaci". 

Il presidente della Regione chiede a tutti di "mantenere alta la vigilanza per evitare che un aumento possa portare provvedimenti restrittivi" e si raccomanda "soprattutto ai giovani che pensavano di essere immuni. Invece si è abbassata l'età media. Possono trasmettere il virus ai genitori. Attenzione a evitare assembramenti, non avere superficialità nelle serate tra amici, mantenere la distanza e la protezione individuale". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi