Marsilio: "In tre mesi decuplicati i contagi. Evitare atteggiamenti irresponsabili" - Covid-19, l’appello del presidente della Regione Abruzzo
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

L'Aquila   Cronaca 13/10

Marsilio: "In tre mesi decuplicati i contagi. Evitare atteggiamenti irresponsabili"

Covid-19, l’appello del presidente della Regione Abruzzo

Marco Marsilio"La tanto temuta seconda ondata è arrivata. I numeri ormai consolidati lo dimostrano, in Abruzzo come nel resto del Paese. Faccio appello al senso di responsabilità degli abruzzesi. Evitiamo atteggiamenti irresponsabili che possono arrecare danni incalcolabili". È il messaggio del presidente della Regione, Marco Marsilio, dopo la conferenza Stato-Regioni e il varo del Dpcm con cui il Governo Conte ha imposto misure restrittive per contenere il contagio da Covid-19.

"Alzando il livello di attenzione eviteremo restrizioni più dolorose. Nel giro di tre mesi abbiamo moltiplicato per dieci il numero dei contagi. Dobbiamo imparare a convivere con questo nemico invisibile fino a quando non avremo la disponibilità di un vaccino". 

Marsilio ieri sera ha presieduto una riunione con funzionari delle Prefetture, presidenti delle Province, sindaci di L'Aquila, Pescara, Chieti e Teramo, direttori generali delle Asl e rappresentanti dell'Istituto zooprofilattico. Per la Regione, presenti anche l'assessora alla Sanità, Nicoletta Verì, il direttore dell'agenzia regionale di Protezione civile, Mauro Casinghini, e il capo della task-force sanitaria regionale, Alberto Albani.

"Pensavamo - dice Marsilio - che l'emergenza fosse terminata a luglio con zero contagi e che, con un po' di ottimismo, non arrivasse più. Ma così non è stato". Rispetto a marzo e aprile, i mesi del lockdown, c'è "una differenza importante", perché "abbiamo sviluppato una grande capacità di intercettare i malati. Prima si facevano i tamponi solo su quelli che mostravano grossi sintomi, mentre i familiari venivano messi in quarantena. Oggi le persone vengono intercettate subito. Le persone vicine vengono sottoposte a loro volta a tampone. Se positive, più del 90 per cento non sviluppa sintomi. Possono restare a casa a gestire il periodo di quarantena. Oggi abbiamo terapie farmacologihe antivirali efficaci". 

Il presidente della Regione chiede a tutti di "mantenere alta la vigilanza per evitare che un aumento possa portare provvedimenti restrittivi" e si raccomanda "soprattutto ai giovani che pensavano di essere immuni. Invece si è abbassata l'età media. Possono trasmettere il virus ai genitori. Attenzione a evitare assembramenti, non avere superficialità nelle serate tra amici, mantenere la distanza e la protezione individuale". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi