Regione, nel centrodestra clima da resa dei conti. Consiglio rinviato a martedì - Il comunicato ufficiale: "Attendiamo l’esito dei tamponi". Ma il problema è politico
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

L'Aquila   Politica 13/10

Regione, nel centrodestra clima da resa dei conti. Consiglio rinviato a martedì

Il comunicato ufficiale: "Attendiamo l’esito dei tamponi". Ma il problema è politico

L'Aquila, Aula del Consiglio regionale: la riunione di una Commissione (foto di repertorio da emiciclonews.it)

11.54 - Due righe per annunciare che il Consiglio regionale non si fa. 

"In attesa degli esiti dei tamponi effettuati dai Consiglieri regionali e dai collaboratori dei gruppi, il Presidente Lorenzo Sospiri, sentiti i Capigruppo, ha stabilito di rinviare il Consiglio regionale a martedì 20 ottobre". È la nota pubblicata sul sito Internet del Consiglio regionale, Emiciclo.it, a comunicare che a Palazzo dell'Emiciclo la seduta non è neanche cominciata. 

Tensioni nella maggioranza - Clima da resa dei conti nel centrodestra abruzzese dopo i ballottaggi persi. La Lega pare pronta a disertare il Consiglio regionale.

La seduta di oggi è stata posticipata dal presidente, Lorenzo Sospiri, dalle 11 alle 15.30 per consentire ai consiglieri del Carroccio di attendere l'esito del tampone dopo la positività al Covid-19 riscontrata in un membro dello staff. Per questo motivo, la seduta della Commissione Bilancio è stata rinviata dal presidente leghista, Vincenzo D'Incecco.

Però il problema è anche politico. I salviniani accusano i forzisti di aver tradito i candidati della Lega a Chieti e Avezzano, dove i municipi hanno cambiato bandiera e i sindaci eletti, Diego Ferrara e Giovanni Di Pangrazio, sono entrambi dell'area di centrosinistra. Già a fine agosto il segretario regionale del partito di Salvini, Luigi D'Eramo, aveva chiesto le dimissioni dell'assessore al Turismo, Mauro Febbo, che a Chieti, al primo turno, ha sostenuto un raggruppamento civico e non Fabrizio Di Stefano.

Un dato è certo: nella seduta di oggi non verrà approvato il documento sull'autoporto abbandonato di San Salvo e sul progetto privato di trasformarlo in un grande centro logistico dell'e-commerce che, secondo le previsioni progettuali, a regime potrebbe creare più di 3 mila posti di lavoro. Ma, a meno che non venga inserito a seduta in corso, non figura neanche all'ordine del giorno [LEGGI] di questa adunanza consiliare piena di incognite e a rischio rinvio. 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi