Covid e test dell’olfatto: al Tg Leonardo di Rai 3 la ricerca della "d’Annunzio" - Mazzatenta, ricercatore vastese: "Test potrebbe ridurre tamponi e tempi d’attesa"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


19 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Chieti   Attualità 16/10/2020

Covid e test dell’olfatto: al Tg Leonardo di Rai 3 la ricerca della "d’Annunzio"

Mazzatenta, ricercatore vastese: "Test potrebbe ridurre tamponi e tempi d’attesa"

Andrea MazzatentaLa ricerca sulla perdita dell'olfatto come segnale per diagnosticare precocemente il Covid-19, condotta dai ricercatori dell'Università d'Annunzio, è stata protagonista di un servizio del TGR Leonardo, programma di Rai3 dedicato a scienza, tecnologia e salute.

I risultati dello studio del team dell'ateneo abruzzese hanno infatti permesso lo sviluppo di un test rapido che potrebbe aiutare ad evitare il sovraccarico delle richieste di tamponi e i lunghi tempi di attesa [LEGGI]. Il test, che permette di riconoscere la perdita olfattiva, primo campanello d'allarme di Covid negli asintomatici, dovrebbe anche riuscire ad accertare l'aggressività del virus.

"Quella dei sapori è una percezione cross modale data dall'interazione di olfatto e gusto – spiega al TGR Abruzzo il ricercatore vastese Andrea Mazzatenta - ed è questa che viene compromessa. Quando abbiamo fatto i test oggettivi abbiamo capito che il 95% dei pazienti ha perdite olfattive e il 45% gustative".

Le persone affette da coronavirus parlano spesso di perdita del gusto, che in realtà è una conseguenza dell'alterazione olfattiva indotta dal Covid. Lo studio del gruppo di ricerca dell'università d'Annunzio composto da Andrea Mazzatenta, Giampiero Neri, Damiano D’Ardes e Camillo di Giulio, ha coinvolto 100 pazienti con forme gravi, 50 soggetti sani e 20 pazienti di controllo, che avevano disturbi dell'olfatto ma non Coronavirus.

"I nostri studi hanno interessato prima di tutto la fisiologia di base – dichiara il ricercatore - per capire alcuni meccanismi del virus e in particolare il fenomeno del neurotropismo, cioè il fatto che il virus utilizza come porta di accesso al sistema nervoso l'olfatto, per poi collocarsi in varie aree del sistema nervoso centrale e fare altri danni".

E sulle possibili applicazioni concrete per la prevenzione e la lotta al Sars-Cov-19 afferma: "Il costo del test è relativamente basso, e la sua applicazione a livello di screening potrebbe essere molto ampia: le persone che hanno delle alterazioni olfattive possono essere poi indirizzate alla diagnostica classica, quindi all'accertamento mediante tampone, onde evitare il sovraccarico del sistema con tamponi generalizzati".

 

di Serena Smerilli (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi