"Frasi irriguardose nei confronti dei sanitari contagiati, licenziare il dg" - Intersindacale scrive a Speranza. D’Eramo: incontro con Marsilio e Verì sul da farsi
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Chieti   Politica 18/10

"Frasi irriguardose nei confronti dei sanitari contagiati, licenziare il dg"

Intersindacale scrive a Speranza. D’Eramo: incontro con Marsilio e Verì sul da farsi

Thomas Schael e Nicoletta VerìL'intersindacale sanitaria abruzzese vuole il licenziamento del direttore generale della Asl, Thomas Schael, e scrive al ministro, Roberto Speranza. La Lega, partito di maggioranza in Regione, chiede un confronto "sul da farsi" al presidente, Marco Marsilio, e all'assessora regionale alla Sanità, Nicoletta Verì.

Causa della polemica: una frase che, secondo quando afferma l'Intersindacale sanitaria abruzzese, sarebbe stata pronunciata dal dg durante la riunione del 6 ottobre sulla "premialità Covid-19". Parole, secondo l'organizzazione di categoria, "irriguardose”, nei confronti “degli operatori sanitari che, nel corso della pandemia da Covid-19, si sono ammalati e talora sono stati ricoverati in terapia intensiva e intubati". 

"Ho preso contezza di quanto accaduto", dichiara il segretario regionale della Lega, Luigi D'Eramo. Il leader del Carroccio abruzzese difende il personale "che, secondo testimonianze e prove varie, a detta di Schael si era infettato per propria stupidità e non perché si era privi di dispositivi di protezione". 

Nella riunione, l’Intersindacale ha anche segnalato "la tardiva redazione di protocolli a tutela della salute del personale e l'alto numero degli operatori contagiati". Da queste lamentele, secondo i rappresentanti dei lavoratori, sarebbe derivata la replica di Schael, dopo la quale "una buona parte delle organizzazioni sindacali presenti ha abbandonato la riunione".

Ora la sigla sindacale di categoria chiede a Speranza, Marsilio e Verì, "ognuno per quanto di propria competenza, il loro opportuno e autorevole intervento a salvaguardia della dignità umana e professionale" attraverso “provvedimenti immediati", ossia, secondo l’Intersindacale, "l'immediato licenziamento senza diritto a nessun compenso per anticipata risoluzione del contratto". L'ufficio stampa della Asl provinciale, contattato da Zonalocale, fa sapere che il dg non replicherà.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi