Semi-lockdown, Marsilio: "Governo non ci ha messo in condizione di potenziare la rete Covid" - La lettera del presidente della Regione Abruzzo a Conte e Speranza
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

L'Aquila   Politica 26/10

Semi-lockdown, Marsilio: "Governo non ci ha messo in condizione di potenziare la rete Covid"

La lettera del presidente della Regione Abruzzo a Conte e Speranza

Marco MarsilioIl semi lockdown disposto dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è dovuto soprattutto ai ritardi del Governo.

Lo afferma il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, in una lettera al premier e al ministro della Salute, Roberto Speranza: "Siamo arrivati a questo, ritengo, anche e soprattutto perché la strada scelta da Governo e Parlamento per il 'potenziamento della Rete Covid' è stata sbagliata, non mettendo le Regioni in condizione di realizzare i posti letto dedicati ai pazienti Covid in tempo utile per fronteggiare con successo la seconda ondata", scrive il governatore, che ricorda come le cause delle nuove restrizioni [LEGGI] siano il "rapido incremento della curva dei contagi" e la "conseguente pressione sulle strutture ospedaliere" .

Allo stesso tempo, Marsilio mette da parte le polemiche: "Ci saranno altre occasioni per entrare nel merito e valutare questa mia affermazione. Ora occorre tentare di recuperare il tempo perduto e velocizzare le procedure, per evitare, tra poche settimane, di doverci arrendere a un nuovo blocco generalizzato dagli effetti disastrosi".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi