Cardiochirurgia Chieti: "Una persona di chiara fama per rilanciare il reparto" - Il commento di Schael dopo lo scandalo
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Chieti   Attualità 28/10

Cardiochirurgia Chieti: "Una persona di chiara fama per rilanciare il reparto"

Il commento di Schael dopo lo scandalo

Thomas Schael"Siamo impegnati con l’assessore regionale alla Salute, Nicoletta Verì, e il rettore dell’Università di Chieti, Sergio Caputi, a lavorare sul rilancio della Cardiochirurgia, che resta un segmento importante della nostra offerta sanitaria": questo il commento del direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Thomas Schael, al termine dell’incontro di questa mattina, convocato per fare il punto dopo l’inchiesta avviata dalla Procura di Chieti sulla maxi frode a danno della stessa Regione Abruzzo per presunte attività illecite svolte in Cardiochirurgia [LEGGI]. 

Dalla riunione è emersa la comune volontà di restituire all’unità operativa la capacità attrattiva che negli anni ha portato l’ospedale "SS. Annunziata" a recitare un ruolo di primo piano nella sanità abruzzese e a connotarlo come punto di riferimento per la patologie cardiache.
"D’altra parte – spiega l'azienda sanitaria in una nota – l’attività dell’unità operativa non è mai venuta meno, poiché l’équipe ha garantito la continuità delle prestazioni già dallo scorso giugno, quando il direttore della Cardiochirurgia era stato raggiunto da un provvedimento di sospensione. 
Com’è noto, Schael era stato informato fin dal momento del suo insediamento delle fibrillazioni e delle difficoltà in cui versava la Cardiochirurgia, sulle quali chiamò a fare luce una commissione di esperti provenienti da altre regioni. Un lavoro di verifica importante per la Direzione aziendale, che fece emergere elementi utili ai fini dell’inchiesta della magistratura che era stata parallelamente avviata". 

"Guardiamo avanti – aggiunge Schael – abbiamo un centro di Cardiochirurgia avanzato e attrezzato che non teme il confronto con altri grandi ospedali e dobbiamo concentrarci sul suo immediato rilancio. L’Università si appresta a chiamare una persona di chiara fama che potrà guidare l’équipe e dare risposte ai cittadini di questo territorio e, perché no, anche di altre regioni. La storia della Cardiochirurgia non si ferma qui. Anzi, riparte da qui per scrivere pagine ancora più belle". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi