Coronavirus: in regione i ricoveri salgono a quota 400, 29 i pazienti in terapia intensiva - Oggi 450 positivi in più
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Pescara   Attualità 31/10

Coronavirus: in regione i ricoveri salgono a quota 400, 29 i pazienti in terapia intensiva

Oggi 450 positivi in più

Sono 29 i pazienti in terapia intensiva in Abruzzo, ai quali se ne aggiungono altri 371 in terapia non intensiva che portano gli ospedalizzati a quota 400. Il numero dei ricoveri sarà sotto la lente d'ingrandimento nelle prossime ore per decidere eventuali misure più restrittive. Ieri l'assessore alla Salute della Regione, Nicoletta Verì, la situazione non desta preoccupazione; il presidente Marsilio con un'apposita ordinanza ha dato la possibilità alle Asl di disporre ricoveri nelle cliniche private.

Per quanto riguarda gli altri dati: i nuovi positivi sono 450 (di età compresa tra 9 mesi e 96 anni) su 3887 tamponi eseguiti, 8 i deceduti (tra questi una 92enne di San Salvo), 3799 i guariti (dall'inizio dell'emergenza), 6203 gli attualmente positivi, 5803 in isolamento domiciliare.

I positivi di oggi sono residenti in provincia dell'Aquila (171), Chieti (93), Pescara (59), Teramo (137). Il totale risulta superiore di 10 unità, per il riallineamento di residenze in precedenza non inserite.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi