Ubriaco al bar, gli trovano un arsenale a casa e aggredisce carabiniere: 24enne arrestato - L’episodio a Filetto, protagonista un giovane di Lanciano
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Filetto   Cronaca 07/11

Ubriaco al bar, gli trovano un arsenale a casa e aggredisce carabiniere: 24enne arrestato

L’episodio a Filetto, protagonista un giovane di Lanciano

Venerdì di ordinaria follia, così come lo hanno definito i militari, per un 24enne originario di Lanciano domiciliato a Filetto. Il giovane si è presentato al bar già ubriaco, al rifiuto del titolare di dargli ancora da bere lo ha minacciato; accompagnato a casa dai carabinieri che gli trovano un arsenale di mazze chiodate e armi da taglio aggredisce il brigadiere. Ora, il giovane, arrestato ai domiciliari, dovrà rispondere di minaccia aggravata, ricettazione, violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

Quanto accaduto nel piccolo comune della provincia teatina è ricostruito così dai militari: "Il ragazzo aveva iniziato a bere probabilmente nel primo pomeriggio, così da anticipare un venerdì alcolico, in quanto in base alle nuove disposizioni anti-Covid bar e ristoranti chiudono alle 18.00. Già in preda ai fumi dell’alcol quindi, si è presentato al bar nel centro del paese per chiedere l’ennesimo cicchetto: quando però il proprietario si è accorto che era già piuttosto alticcio si è rifiutato di servirlo. La cosa ha mandato in bestia l’uomo, che ha iniziato ad inveire contro il barista ed a minacciare tutti gli avventori, gridando che era in possesso di una pistola e avrebbe ucciso tutti. A nulla sono valsi i continui inviti a lasciare il locale del proprietario, che è stato costretto a chiamare il 112".

"I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno trovato il ragazzo che ancora minacciava e infastidiva i clienti, urlando di essere in possesso di una pistola, tanto che hanno dovuto perquisirlo sul posto per sicurezza. Una volta accertato che era disarmato, i carabinieri hanno ritenuto opportuno perquisire anche l’abitazione del giovane. Una volta lì, hanno trovato un vero e proprio arsenale di armi bianche, coltelli, una roncola ed addirittura due bastoni chiodati costruiti artigianalmente. Inoltre, in un angolino, c’era un vaso con tre piantine di marijuana e un grammo e mezzo dello stesso stupefacente pronto da consumare e alcuni bancomat e documenti, risultati poi rubati a Pescara. Quando lo hanno informato che sarebbe stato tutto sequestrato, l’uomo è stato preso nuovamente da un raptus ed ha aggredito il brigadiere spintonandolo e cercando di afferrare la più grande delle mazze chiodate per colpirlo: a quel punto è stato bloccato e tratto in arresto". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi