"Chiusure dei mercati all’aperto immotivate, Regione e Prefettura intervengano sui Comuni" - L’appello di Anva-Confesercenti
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Chieti   Attualità 13/11

"Chiusure dei mercati all’aperto immotivate, Regione e Prefettura intervengano sui Comuni"

L’appello di Anva-Confesercenti

Sono numerose le misure restrittive che i Comuni stanno adottando in questi giorni per far fronte all'aumento del numero dei contagi. Restrizioni che vanno ad inasprire quelle previste dall'ingresso della regione nella "zona arancione". A far discutere, tra le altre cose, la limitazione dei mercati sul territorio, come disposto nei giorni scorsi, ad esempio, per quelli di Scerni e Gissi [LEGGI].

"In queste ore molti sindaci stanno chiudendo i mercati all'aperto, senza alcun appiglio normativo - denuncia Domenico Gualà, presidente regionale di Anva-Confesercenti, associazione che rappresenta i commercianti su aree pubbliche -. Vogliamo ricordare che le norme nazionali sono molto chiare: l'Abruzzo è in zona arancione e i mercati all'aperto possono tranquillamente svolgersi nel rispetto di tutte le normative anti-Covid, con distanziamento così come stabilito dalle linee guida. Non è possibile che singoli amministratori senza nessun dato oggettivo continuino a privare i commercianti ambulanti del loro lavoro senza nessun indennizzo previsto dal governo o da chiunque altro".

"Quando si prendono decisioni così forti – aggiunge – bisogna tenere in considerazione il risvolto economico e il sostentamento delle famiglie che nei mercati lavorano: è necessario che la Regione e le Prefetture intervengano rapidamente sui Comuni".

"Gli ambulanti – sottolinea anche Domenico Giampaolo, presidente di Anva-Confesercenti della provincia di Teramo – in questi mesi hanno collaborato con i Comuni e con le forze dell'ordine per il rispetto di tutti, al fine di far svolgere i mercati in sicurezza. Non c'è nessun motivo di chiuderli, il Governo non l'ha previsto e senza ristori abbiamo tutti il diritto di riportare il pane a casa. Se si continuano a chiudere i mercati si rischiano nuove tensioni nelle piazze, che devono essere assolutamente evitati".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi