Abruzzo in zona rossa da mercoledì, Marsilio: non ci sarà chiusura totale delle scuole - L’ordinanza del presidente della Regione imporrà ulteriori restrizioni
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Sulmona   Cronaca 16/11

Abruzzo in zona rossa da mercoledì, Marsilio: non ci sarà chiusura totale delle scuole

L’ordinanza del presidente della Regione imporrà ulteriori restrizioni

Marco Marsilio in visita oggi all'ospedale di SulmonaResteranno aperte in Abruzzo le scuole dell'infanzia, elementari e le prime medie. Le norme regionali rispecchiano quelle previste per le zone rosse dal Dpcm anti Coronavirus.

Lo aveva annunciato il presidente della Regione, Marco Marsilio, a margine della visita di oggi pomeriggio all'ospedale di Sulmona. L'ordinanza regionale entrerà in vigore mercoledì 18 novembre. È stata firmata in serata dal presidente della Regione. 

Non si potrà uscire dalla regione, né dal comune di residenza, salvo motivi di salute, lavoro e necessità.

Negozi chiusi, tranne alimentari, farmacie, edicole, librerie e tabaccherie. Stop anche ai mercati, salvo quelli di generi alimentari.

Nel settore della ristorazione, consentita solo la consegna a domicilio, invece l'asporto sarà consentito solo fino alle 22.

Vietata l'attività sportiva, anche quella svolta nei centri sportivi. Consentita attività fisica individuale nelle vicinanze della propria casa e nel rispetto del distanziamento dalle altre persone.

Il presidente della Regione, all'uscita dell'ospedale di Sulmona, ha spiegato alla stampa le motivazioni del provvedimento che sta per adottare. "Abbiamo fatto tra ieri sera e oggi una lunga serie di doverose consultazioni con tutti assumendo di firmare un’ordinanza che applica alla Regione Abruzzo la disciplina contenuta nell’articolo 3 del Dpcm, quella delle regioni rosse e non di più. Sulla scuola c’è stata una discussione molto ampia, e siamo tutti d’accordo nella giunta e nella maggioranza, ma credo che ci sia condivisione più ampia, di non poter accogliere, neanche volendolo fare, la richiesta che il Cts ci ha fatto a maggioranza di chiudere le scuole di ogni ordine e grado. L’attuale disciplina di legge non consentirebbe alle famiglie di avere gli strumenti per poter affrontare questo problema di avere i bambini dentro casa. Il peso che graverebbe sulle famiglie sarebbe insostenibile".

Marsilio ha spiegato che "è un atto di responsabilità quello di dichiarare, a partire dalla giornata di mercoledì, daremo martedì come transizione, la disciplina delle zone rosse".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi