Abruzzo in zona rossa: "Ristoranti e agriturismi in crisi, necessario immediato sostegno economico" - Chiudono 8200 esercizi di ristorazione e 555 agriturismi, l’appello di Coldiretti.
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Chieti   Attualità 17/11

Abruzzo in zona rossa: "Ristoranti e agriturismi in crisi, necessario immediato sostegno economico"

Chiudono 8200 esercizi di ristorazione e 555 agriturismi, l’appello di Coldiretti.

Entreranno in vigore in Abruzzo da domani, mercoledì 18 novembre, le nuove misure previste dall'ingresso della regione in zona rossa [LEGGI], restrizioni che coinvolgeranno, in larga misura, molte attività commerciali e di ristorazione.

"Con la zona rossa in Abruzzo chiudono oltre 8.200 bar, ristoranti e pizzerie e 555 agriturismi con un forte impatto sulle produzioni agricole regionali dall'olio al vino, dai formaggi al tartufo a causa del crollo dei consumi fuori casa e una conseguente fortissima perdita di fatturato". È quanto emerge da una analisi della Coldiretti Abruzzo sull'impatto delle limitazioni poste alla ristorazione con l'emergenza Covid con un drammatico effetto a valanga sull'intera filiera per il mancato acquisto di alimenti e vino.

"Una situazione che – sottolinea l'associazione - potrebbe ulteriormente peggiorare nel caso in cui i vincoli al consumo fuori casa si dovessero estendere alle feste di fine anno, con Natale e capodanno alle porte. In Abruzzo, che da domani è ufficialmente zona rossa sono sospese tutte le attività di ristorazione e, quindi, anche la somministrazione di pasti e bevande da parte degli agriturismi, che in regione sono 555 (ultimo rapporto Istat). È consentita la sola consegna a domicilio, nonché fino alle ore 22 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle vicinanze dei locali".

"Gli effetti della chiusura delle attività di ristorazione – continua la Coldiretti – si fanno sentire a cascata sull'intera filiera agroalimentare con disdette di ordini per le forniture di molti prodotti agroalimentari, dal vino all'olio, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura ma anche su salumi e formaggi di alta qualità che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco. In alcuni settori come quello ittico e vitivinicolo la ristorazione – precisano – rappresenta addirittura il principale canale di commercializzazione per fatturato. Le limitazioni alle attività di impresa devono dunque prevedere un adeguato e immediato sostegno economico lungo tutta la filiera per salvare l'economia e l'occupazione".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi