Sindacati di polizia penitenziaria: "Servono rinforzi per operare in ospedali Covid" - La richiesta all’amministrazione penitenziaria e all’assessore Verì
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Pescara   Cronaca 13/12/2020

Sindacati di polizia penitenziaria: "Servono rinforzi per operare in ospedali Covid"

La richiesta all’amministrazione penitenziaria e all’assessore Verì

"Una situazione del tutto preoccupante, visto l'elevato numero di detenuti, positivi al Covid, ricoverati nei vari nosocomi". Le sigle sindacali della polizia penitenziaria Sappe, Osapp, Uil PA/PA, Uspp, Fns Cisl e Fp Cgil si rivolgono all'Amministrazione penitenziaria e all'assessore regionale alla Sanità, Nicoletta Verì, evidenziando circostanze di criticità legate all'emergenza Covid.  

"Gli Istituti penitenziari abruzzesi già soffrono di una cronica carenza di organici, specie Pescara con meno 50 agenti, e in questo momento serve una seria ed efficace risposta istituzionale per fronteggiare le attività di piantonamento", scrivono in una nota congiunta i rappresentanti sindacali. 

Per questo, i rappresentanti degli agenti della polizia penitenziaria, "con un atto inviato alle varie articolazioni della Giustizia e Regione Abruzzo, hanno chiesto di inviare personale proveniente da altre realtà del Paese, fino a cessata esigenza emergenziale.

Siamo pronti - concludono - ad avviare manifestazioni di protesta e coinvolgere la politica ed opinione pubblica, in assenza di concrete soluzioni a salvaguardia dei lavoratori e di tutta la collettività".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi