"Ingestione di corpi estranei nei bambini", il seminario della Clinica Pediatrica di Chieti - Incontro on-line martedì 12 gennaio alle ore 15
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Chieti   Attualità 11/01

"Ingestione di corpi estranei nei bambini", il seminario della Clinica Pediatrica di Chieti

Incontro on-line martedì 12 gennaio alle ore 15

Francesco ChiarelliSi terrà martedì 12 gennaio alle ore 15, il seminario on-line su "ingestione di corpi estranei e caustici nei bambini, una frequente emergenza pediatrica", organizzato dalla clinica Pediatrica di Chieti, diretta dal professor Francesco Chiarelli.

"L'ingestione di corpi estranei e di sostanze caustiche (o nocive in generale) rappresenta, in età pediatrica, una causa frequente di accesso presso i Pronto Soccorso. Molto spesso, infatti, i bambini tendono ad ingerire qualsiasi tipo di oggetto che si trovi nel loro raggio di azione e, nella maggior parte dei casi, ciò accade nel luogo che per loro dovrebbe essere il più sicuro: a casa. Molto recentemente sono state pubblicate nuove linee guida sulla gestione medico-ospedaliera dei casi di ingestione di corpi estranei e sostanze caustiche, redatte grazie alla collaborazione tra un folto gruppo di esperti della SIGENP (Società Italiana di Gastroenterologia, Epatologia e Nutrizione Pediatrica), supportato dall'Associazione Italiana Gastroenterologi e Endoscopisti Digestivi Ospedalieri".

"Nella maggior parte dei casi i vari tipi di corpi estranei passano attraverso tutto il tratto gastro-intestinale senza particolari sintomi e sequele, così come per altre sostanze tossiche, ma non mancano assolutamente eventi pericolosi le cui conseguenze e complicazioni possono essere molto gravi, fino ad arrivare alla morte del bambino. Ad esempio, in alcune circostanze la ingestione diventa un'estrema emergenza, come nei casi delle batterie, che possono provocare la morte dei bambini, o una grave morbilità (grave stenosi esofagea). Per questo motivo, le linee guida risultano essere molto utili per tutto il personale sanitario che, quasi quotidianamente, si trova di fronte a tali evenienze, ma ci ricordano anche quanto sia importante sensibilizzare l'opinione pubblica e le famiglie circa la potenziale gravità di tali eventi. Risulta fondamentale infatti istruire ed educare le famiglie ad una attenta e continua sorveglianza del bambino e dei rischi che provengono dall'ambiente che lo circonda".

"Consigli pratici ed utili alle famiglie per prevenire e fronteggiare tempestivamente tali eventi potrebbero essere i seguenti: non rimuovere mai l'etichetta dai contenitori di sostanze o farmaci potenzialmente pericolosi; custodire tutto ciò che può essere nocivo in luoghi inaccessibili al bambino; non travasare sostanze tossiche/caustiche all'interno di altri contenitori comuni o anonimi; se il bambino ingerisce una sostanza, non provocare mai il vomito, non far mangiare il bambino e contattare quanto prima un Centro AntiVeleni per chiedere indicazioni (se il bambino non mostra sintomi); se il bambino viene condotto in ospedale, ricordarsi di portare con sé il contenitore della sostanza assunta. In ogni caso, oltre all'educazione e alla collaborazione del pubblico, sarà sempre importante, in tale ambito, una presente partecipazione dell’autorità sanitaria che possa impegnarsi in campagne di sensibilizzazione (media, social-network, web) e nella stesura di leggi ad hoc in modo da ridurre quanto più possibile la frequenza di tali eventi".

Quanti fossero interessati a seguire il seminario, possono farlo attraverso questo link di Microsoft Teams

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi