Timeout - San Salvo, città divisa sul tempio crematorio CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


6 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

L'Aquila   Attualità 05/02

Contagi in aumento in Abruzzo: Dad per le superiori e divieto di aggregazione nelle piazze

L’ordinanza di Marsilio, tre Comuni in zona rossa

In Abruzzo gli studenti degli istituti superiori torneranno alla Didattica A Distanza (Dad) dall'8 al 22 febbraio. Lo ha disposto il presidente della Regione, Marco Marsilio

Nell'ordinanza firmata poco fa, Marsilio (che da alcuni giorni si trova in quarantena dopo aver avuto contatti con alcuni collaboratori risultati positivi al Covid-19) oltre a istituire le zone rosse (dalla mezzanotte) nei comuni di Atessa, San Giovanni Teatino e Tocco da Casauria [LEGGI], dispone anche il ritorno alla Dad per due settimane. 

Il provvedimento si è reso necessario per il contenimento del contagio dopo gli ultimi focolai – dovuti anche alla variante inglese – che hanno fatto temere un ritorno in zona arancione o rossa; il Covid Hospital di Pescara e l'ospedale di Chieti hanno esaurito i posti letto. Per adesso l'Abruzzo resta in fascia gialla, ma con tre Comuni in zona rossa (com'era accaduto per Pizzoferrato) e altri due a rischio di ulteriori restrizioni: Chieti e Francavilla al Mare.

Inoltre, l'ordinanza dispone (sempre a partire dalla mezzanotte) anche: "il divieto di aggregazione nelle piazze e nei centri storici, su tutto il territorio regionale; il rigoroso rispetto delle distanze sia all’interno delle strutture pubbliche che in quelle private, con implementazione delle attività di controllo correlate; il contingentamento degli ingressi in tutti i locali commerciali, su tutto il territorio regionale".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi