Timeout - San Salvo, città divisa sul tempio crematorio CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


6 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

L'Aquila   Cronaca 23/02

Abruzzo, oltre metà dei comuni in zona rossa: da giovedì restrizioni per altri 5

Aumenta il rischio contagio in provincia dell’Aquila. Ordinanza di Marsilio

Marco Marsilio

Un comune in meno - Con un secondo comunicato, inviato alle 22.56, la Regione annuncia che le restrizioni riguardano non 6, ma 5 comuni: Pacentro quindi non è zona rossa. "Il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio,  ha firmato l'ordinanza numero 9 relativa a provvedimenti restrittivi per 5 Comuni della provincia dell'Aquila da giovedì 25 febbraio a domenica 7 marzo: Ateleta, Campo di Giove, Cansano, Rocca Casale e Ortona dei Marsi. 

Restrizioni - In zona rossa più della metà del comuni abruzzesi. Tra due giorni scattano limitazioni ad Ateleta, Pacentro, Campo di Giove, Cansano, Rocca Casale e Ortona dei Marsi.

"Il presidente della Regione, Marco Marsilio - si legge in un breve comunicato diramato dallo staff del governatore - ha firmato l'ordinanza numero 9 relativa a provvedimenti restrittivi per sei comuni della provincia dell'Aquila da giovedì 25 febbraio a domenica 7 marzo".

Dal 14 febbraio sono in zona rossa, istituita con un'altra ordinanza regionale, le province di Chieti e Pescara. Con questo ulteriore provvedimento, salgono a 156 (su 305 in totale) i comuni soggetti a misure più severe di quelle vigenti sul resto del territorio regionale, che attualmente è in zona arancione sulla base dell'ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi