Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 agosto 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Chieti   Attualità 07/03

In Abruzzo quattro donne alla guida di progetti Airc per la ricerca sul cancro

L’impegno di Emma Di Carlo, Paola Patrignani, Nadia Rucci e Anna Maria Teti

Di Carlo, Patrignani, Rucci e TetiNella ricerca sul cancro in Abruzzo le donne sono in prima linea. Dei sei progetti finanziati da Airc - Associazione Italiana per la Ricerca sul cancro - per il 2021, bel quattro vedono ricercatrici assumere il ruolo di Investigator Grant, alla guida di team nazionali e internazionali per progredire nell'attività di ricerca [LEGGI]. 

Alla guida dei quattro progetti finanziati da Airc ci sono:

Professoressa Paola Patrignani (Università degli Studi Gabriele D’Annunzio Chieti e Pescara) – guida un progetto sullo studio delle  vescicole extracellulari nel cancro del colon-retto: implicazioni diagnostiche e terapeutiche.

Professoressa Anna Maria Teti (Univesità degli Studi dell’Aquila) – titolare di un progetto che ha come focus lo studio delle caratteristiche staminali delle cellule dormienti del cancro al seno e le loro interazioni con la nicchia endosteale.[LEGGI L'INTERVISTA]

Professoressa Emma Di Carlo (Università degli Studi Gabriele D’Annunzio Chieti e Pescara) – il suo grant AIRC è dedicato allo sviluppo di terapie immunologiche personalizzate sul tumore del paziente e selettive per il cancro prostatico con l'obiettivo di contrastare l'immunosoppressione associata alla crescita del tumore e prevenirne la metastatizzazione, minimizzando gli effetti collaterali. [LEGGI L'INTERVISTA]

Professoressa Nadia Rucci (Univesità degli Studi dell’Aquila) – il suo progetto è partito a gennaio e si prefigge di studiare le vescicole extracellulari rilasciate dalle cellule tumorali ed utilizzate da queste come importanti mediatori nel favorire sviluppo delle metastasi ossee e dell'osteosarcoma.

Gli altri progetti sono quelli guidati all'Università di Chieti dal professor Renato Mariani Costantini e dal professor Vincenzo De Laurenzi.

La ricerca scientifica sostenuta da Airc vede sempre più le donne grandi protagoniste. "Dei nostri oltre 5.000 ricercatori coinvolti in borse di studio e progetti sostenuti ben il 61% sono donne, percentuale che fa della ricerca oncologica targata AIRC un universo sempre più al femminile", spiega la fondazione. Una percentuale in controdentenza con il dato nazionale: in Italia, dei 136mila ricercatori attivi, si sono 47mila donne (circa il 34%). 

"Il contributo italiano e femminile cresce anche a livello internazionale, quest’anno il 37% dei Consolidator Grant del Consiglio europeo della ricerca (ERC) è stato assegnato a ricercatrici donne, si tratta della percentuale più alta mai registrata da quando sono stati istituiti questi prestigiosi finanziamenti, destinati a ricercatori che desiderano consolidare la propria indipendenza scientifica creando o rafforzando il proprio giovane gruppo di ricerca. Gli italiani sono i primi in Europa per numero di grant ottenuti (47, di cui 23 donne), ma solo 17 lavorano in università e laboratori nel nostro Paese, di cui 4 nell’ambito delle Scienze della Vita. Fra loro ci sono due ricercatrici sostenute anche da AIRC: Raffaella Di Micco, della Fondazione Centro San Raffaele di Milano, e Sara Sigismund, dell’Istituto Europeo di Oncologia I.R.C.C.S. S.r.l. di Milano. 

Un impegno fondamentale alla luce dei numeri che ci dicono che circa una donna su tre è colpita da un tumore nel corso della vita - spiegano da Airc -, nel 2020 sono state stimate oltre 182.000 nuove diagnosi tra le donne. I tumori più diagnosticati fra le donne nel 2020 sono  mammella, colon-retto, polmone, tiroide. Complessivamente la sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi di tutti i tumori è del 63% nelle donne e del 54% negli uomini". Per questo i progetti di ricerca, come quelli portati avanti in Abruzzo, rivestono grande importanza nel progresso degli studi e nell'evoluzione di cure e prevenzione. 

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi