Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Chieti   Cronaca 24/03

Covid-19, in provincia di Chieti 1500 novantenni ancora da vaccinare

Nei comuni in zona rossa 5mila over 80 devono ricevere la prima dose del siero

In provincia di Chieti ci sono novantenni ancora da vaccinare. Il dato è emerso dalla riunione del tavolo permanente istituito dal prefetto di Chieti, Armando Forgione. Di qui la decisione di avviare subito la vaccinazione dei novantenni di tutta la provincia di Chieti e degli over 80 dei comuni ad alto rischio pandemico in cui si registra un'incidenza superiore ai 250 casi per 100mila abitanti.

Lo ha deciso il tavolo permanente, cui hanno partecipato il presidente della Provincia di Chieti, Mario Pupillo, i sindaco di Chieti, Diego Ferrara, e i suoi colleghi dei Comuni in zona rossa, il direttore della Asl, Thomas Schael, e i rappresentanti della forze dell'ordine.

I novantenni da vaccinare sono 1500, gli over 80 dei comuni in zona rossa 5mila. Questi i paesi interessati: San Vito Chietino, Atessa, Casoli, Santa Maria Imbaro, Orsogna, Roccamontepiano, Casalincontrada, Ripa Teatina, Torrevecchia, Castiglione Messer Marino e Montazzoli, e zona verde ovvero Gamberale, Liscia, Colledimezzo, Tornareccio, Torricella Peligna, Roccascalegna, Casalanguida, Altino, Palombaro, Paglieta, Villalfonsina, Mozzagrogna, San Martino sulla Marrucina, Arielli, Ari, Casacanditella e Rocca San Giovanni.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi