Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

L'Aquila   Attualità 06/04

L’Aquila, 12 anni dopo: la notte del ricordo silenzioso

I 309 rintocchi di campana per le vittime del sisma

foto dal profilo facebbok del sindaco Pierluigi BiondiDodici anni dopo L'Aquila si ferma per ricordare la notte del 6 aprile 2009. Una notte che ha segnato la vita degli aquilani e degli abruzzesi, che ha strappato alla vita 309 persone, morte sotto le macerie dopo la scossa di terremoto delle 3:32. Anche quest'anno le restrizioni imposte dalla pandemia hanno ridotto la cerimonia del ricordo ad un breve momento con una partecipazione ristretta. Ma non per questo la notte del ricordo è stata meno sentita.

Davanti alla chiesa di Santa Maria del Suffragio è stata accesa una simbolica fiaccola, alla presenza del cardinale Giuseppe Petrocchi - che nel tardo pomeriggio aveva celebrato la messa in cui sono stati letti tutti i nomi delle vittime- del sindaco Pierluigi Biondi e dei rappresentanti delle forze dell'ordine. Trecentonove rintocchi di campana hanno ricordato le trecentonove persone che da quella notte non ci sono più mentre un fascio luminoso si è stagliato verso il cielo.

Oggi la città continuerà a vivere il suo ricordo. Al Parco della Memoria è stato posizionato un lenzuolo con i nomi delle 309 vittime dove tanti cittadini si stanno già recando per rendere omaggio.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi