Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


16 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Pescara   Attualità 17/05

Covid-19: 20 nuovi positivi e 108 guariti. "Pressione sulle terapie intensive calata a picco"

I dati dell’Abruzzo si avvicinano a quelli della zona bianca

Il covid hospital di PescaraDati Covid in continuo miglioramento in Abruzzo. Nel bollettino di oggi i nuovi casi sono 20 (tenendo sempre presente il minor numero di tamponi effettuati nel fine settimana). Anche i ricoveri restano nel trend dei giorni scorsi con un solo nuovo ingresso in terapia intensiva. 

I numeri che fanno ben sperare si possono riscontrare anche nelle parole che Giustino Parruti, direttore dell’Unità operativa complessa di Malattie infettive della Asl Pescara, ha rilasciato all'agenzia di stampa Adnkronos: "Il picco è stato a marzo scorso con 325 ricoverati. A quel punto, oltre all’utilizzo di tutti i posti letto dell’ospedale Covid, che ne conta 190, abbiamo dovuto attivare un’ala per i pazienti affetti da coronavirus anche nell’ospedale centrale di Pescara. Ora la situazione è realmente tranquilla e la pressione sulla terapia intensiva è calata a picco. Adesso in terapia intensiva abbiamo appena 5 malati e 4 in sub-intensiva, contro i 54 del 4 aprile scorso. C’è stata una decisa inversione, sia perché il virus ha rallentato la circolazione, sia per le vaccinazioni che, come dimostra uno studio della Asl di Pescara ed elaborato dall’Università di Ferrara, che sarà presentato proprio domani a Pescara, su 39mila vaccinati con due dosi il tasso di letalità è pressoché azzerato".

La situazione è in netto miglioramento in tutta Italia e tre regioni (Molise, Sardegna e Fiuli Venezia Giulia) hanno dati da zona bianca con un'incidenza minore di 50 casi ogni 100mila abitanti. L'Abruzzo è poco dietro con 56 casi insieme a Veneto (55) e Liguria (50). La futura colorazione così come eventuali nuove aperture sono legate alle decisioni della cabina di regia e a una eventuale riforma degli indicatori. 

Il bollettino giornaliero

Sono complessivamente 73262 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall'inizio dell'emergenza. Rispetto a ieri si registrano 20 nuovi casi (di età compresa tra 8 e 69 anni). I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 6, tutti residenti in provincia di Chieti. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 3 nuovi casi e sale a 2457 (di età compresa tra 62 e 82 anni, 2 in provincia di Chieti e 1 in provincia di Pescara). Dei casi odierni 1 è riferito a decesso avvenuto nei giorni scorsi e comunicato solo oggi dalla Asl.

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 63928 dimessi/guariti (+108 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 6877 (-51 rispetto a ieri). Dall'inizio dell'emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 1073169 tamponi molecolari (+787 rispetto a ieri) e 443046 test antigenici (+405 rispetto a ieri). Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 1.7%.

202 pazienti (+3 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 21 (-1 rispetto a ieri con 1 nuovo ingresso) in terapia intensiva, mentre gli altri 6654 (-93 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Del totale dei casi positivi, 18366 sono residenti o domiciliati in provincia dell'Aquila (+2 rispetto a ieri), 19063 in provincia di Chieti (+17), 18010 in provincia di Pescara (invariato), 17071 in provincia di Teramo (+1), 569 fuori regione (invariato) e 183 (invariato) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi