Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


16 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Chieti   Attualità 25/05

Tumore al seno, donato alla Asl di Chieti un nuovo mammografo per la "screening routine"

Campagna di prevenzione e sensibilizzazione di Roche Italia e Fujifilm Italia

Arriva come una "manna" per la Asl Lanciano Vasto Chieti, l'iniziativa congiunta di Roche Italia e Fujifilm Italia che uniscono le forze e scendono in campo al fianco del Sistema Salute per la lotta contro il tumore al seno, dando vita alla campagna di prevenzione "Screening Routine". Un impegno che si concretizza nella donazione di mammografi digitali di ultima generazione a 10 Aziende sanitarie, tra cui quella della provincia di Chieti. Un'iniziativa che, grazie alla sinergia tra pubblico e privato, "punta ad offrire un contributo alla ripresa delle attività di screening mammografico, avvicinando nuovamente le donne ad una sana e costante prevenzione".

"Le Asl – si legge in un comunicato - sono state identificate e selezionate da Fucina Sanità, in qualità di partner esterno indipendente, sulla base di 6 criteri: coerenza con le programmazioni nazionali e regionali; equilibrata distribuzione geografica a livello nazionale e nella scelta delle Asl metropolitane e provinciali; percentuale di esami in meno nel 2020 rispetto agli anni precedenti; necessità di sostituzione delle apparecchiature obsolete, con particolare attenzione a quelle analogiche rispetto alle digitali presenti in ogni Regione; strutturazione organizzativa delle Direzioni aziendali e delle Strutture da coinvolgere sulla base dei risultati attesi in termini di abbattimento delle liste di attesa”.

"Essere tra le dieci Asl destinatarie della donazione è per noi motivo di soddisfazione - sottolinea il direttore generale della Asl, Thomas Schael - poiché ci permette potenziare Ortona, il cuore della diagnostica senologica. Sarà l'occasione per riportare l'attenzione delle donne sulla prevenzione del tumore al seno, che rappresenta il punto critico nella nostra realtà: la necessità più stringente nel nostro territorio non è recuperare i tempi di attesa ma riportare la popolazione femminile a sottoporsi ai controlli, dopo l'abbandono sensibile legato alla paura del contagio". A fronte degli oltre 15 mila esami eseguiti nel 2019 nell'ambito dello Screening senologico, e una copertura del 65% della popolazione di riferimento, il 2020 si è chiuso con circa 8 mila, al netto dei mesi di sospensione delle prestazioni programmate disposte dalla Regione a causa della pandemia. La paura indotta dal virus, però, ha tenuto lontane le donne anche alla ripresa di tutte le attività, determinando vuoti consistenti nelle agende di prenotazione, perché molte hanno rifiutato l'appuntamento e altre non si sono presentate. L'offerta aziendale, invece, è ampia, con circa 1.000 appuntamenti al mese spalmati tra Ortona, Chieti, Vasto, Lanciano e Atessa, che consentono di offrire alle circa 23 mila donne assistibili un numero di mammografie adeguato.

Un caso affatto isolato, quello della Asl di Chieti, perché "in tutta Italia gli screening oncologici hanno sofferto le conseguenze della pandemia - si legge nella nota - secondo i dati dell'Osservatorio nazionale nei primi cinque mesi del 2020 si è assistito a un calo delle mammografie pari al 53%, con un ritardo accumulato di 2.7 mesi, che si stima potrebbe tradursi in un aumento della mortalità per tumore al seno tra l'8 e il 9%. Una situazione senza precedenti, che ha indotto Roche e Fuji ad andare oltre le donazioni e supportare la campagna Screening Routine con diverse iniziative di sensibilizzazione. L'iniziativa, infatti, farà tappa nei territori identificati con attività di sensibilizzazione su un aspetto importante per la loro salute, attraverso un approccio e canali inusuali come quelli dello shopping online. Infatti, nonostante quest'anno sia stato particolarmente difficile, tra preoccupazioni, precarietà e nuovi equilibri, le donne hanno comunque continuato ad occuparsi di sé. Lo dimostrano le ricerche di mercato - spiegano - che registrano un picco di vendite di articoli legati a salute e benessere del +72%. E i canali privilegiati sono stati quelli dello shopping online, ai quali si sono affidate anche molte donne che non li avevano mai frequentati prima. La campagna di prevenzione Screening Routine partirà proprio dai più conosciuti siti di e-commerce, dove sarà presente con annunci che si ispireranno al linguaggio tipico del mondo beauty e wellness, per sensibilizzare e coinvolgere le donne italiane invitandole a ridare priorità ad un rituale prezioso per la propria salute e per il proprio benessere: quello della screening routine".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi