Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


16 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Pescara   Cronaca 05/06

Coronavirus, scendono ancora positivi e ricoverati: da lunedì Abruzzo in zona bianca

Il bollettino dell’assessorato regionale alla Sanità

Nell'Abruzzo che si proietta verso la zona bianca, in vigore da lunedì 7 giugno, continuano ad esserci dati confortanti circa la diffusione del contagio da Coronavirus.

Nel bollettino quotidiano dell'assessorato regionale alla Sanità si registrano 44 nuovi positivi, di età compresa tra 2 e 59 anni. Di questi 23 sono in provincia dell'Aquila, 12 a Chieti, 2 a Teramo, 2 a Pescara e 1 residente fuori regione.

Sono 5114 (-31) gli attualmente positivi, 98 i ricoverati in ospedale, 7 in meno rispetto a ieri. Solo in terapia intensiva si registra un nuovo ricovero che porta il totale a 11. Sono 5005 (-25) i cittadini in isolamento domiciliare. Non ci sono decessi. Nella giornata di ieri sono stati eseguiti 3659 tamponi molecolari e 1570 test antigenici.

Come già annunciato, ieri il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l'ordinanza con cui passano in zona bianca le regioni Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto.

Questa la suddivisione dell'Italia a partire da lunedì 7 giugno.
area gialla: Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia Autonoma di Trento, Puglia, Sicilia, Toscana, Valle d’Aosta.
area bianca: Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Molise, Sardegna, Umbria, Veneto.

Le norme per le diverse zone - CLICCA QUI

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi