Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

L'Aquila   Attualità 07/06

L’Abruzzo in zona bianca, addio al coprifuoco

Le nuove regole, restano distanziamento e mascherine

L'Abruzzo entra in zona bianca e saluta il coprifuoco entrato in vigore agli inizi di novembre.

L'incidenza sotto i 50 casi ogni 100mila abitanti nelle ultime tre settimane permettono alla nostra regione insieme a Liguria, Umbria e Veneto di abbracciare da oggi 7 giugno la zona con minori restrizioni nella quale si trovano già da una settimana Molise, Sardegna e Umbria.

Innanzitutto, come detto, non c'è più il coprifuoco. Gli spostamenti e le altre attività sono consentite senza limitazioni orarie (anche per quanto riguarda bar e ristoranti).
Nei locali sarà possibile sedersi fino a 6 persone a tavola all'interno, mentre non ci sono limitazioni per le tavolate all'esterno.
Da oggi (con una settimana di anticipo sulla road map delle riaperture già prevista dal Governo) riaprono le piscine al chiuso, i parchi tematici, le sale giochi e le sale scommesse.

Riprendono inoltre i matrimoni e le altre cerimonie (comunioni, cresime e battesimi), ma per i buffet sarà necessaria la presenza di personale addetto. Ai matrimoni, inoltre, sarà possibile partecipare con il green pass Covid.

Restano immutati l'obbligo di mascherina e del distanziamento e il divieto di organizzare feste private. Per quanto riguarda le visite a parenti e amici, "a chi si trova in zona bianca è consentito andare a far visita a parenti o amici, restando all’interno della stessa zona, senza limiti di orario o nel numero di persone che si spostano".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi