Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 luglio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Chieti   Cronaca 25/06

Associazione a delinquere, maxi operazione di carabinieri e finanza: in 13 ai domiciliari

Le accuse: riciclaggio, evasione fiscale, false fatture e traffico di rifiuti

Tredici persone agli arresti domiciliari, 12 milioni di euro sequestrati ai fini della confisca ed interdizione all'esercizio dell'attività imprenditoriale per due società. E' il bilancio dell'inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica di Chieti Giuseppe Falasca, condotta dalla Guardia di Finanza di Ascoli Piceno e dai Carabinieri del Nucleo investigativo del Comando Provinciale di Chieti e del Noe di Pescara, sfociata nell'operazione 'Easy Money', che ha portato all'emissione di una ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari da parte del gip del Tribunale di Chieti Luca De Ninis.

Le accuse a vario titolo a vario titolo sono di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio, autoriciclaggio, dichiarazione fraudolenta dei redditi mediante l'emissione di fatture per operazioni inesistenti, impiego di fatture per operazioni inesistenti al fine di evadere l'imposta sui redditi e sull'Iva e attività organizzata per il traffico di rifiuti. Il focus di questa indagine, come ha spiegato nel corso di una conferenza stampa a lo stesso Falasca, sono due società, una di Montecchio Emilia (Reggio Emilia), l'altra di Giulianova (Teramo) che si occupano di recupero di materiali ferrosi, società molto importanti con fatturati milionari, le quali trattavano i rifiuti e li conferivano alle fonderie per completare il ciclo del recupero dei materiali stessi. E' emerso, che buona parte dei rifiuti veniva conferito in nero da società e soggetti che non avevano né autorizzazione né titolo per il conferimento: quindi per giustificare i guadagni superiori, che non trovavano corrispondenza nella contabilità effettiva, le due società hanno "investito" in una pletora di società che nel chietino operano anche autorizzate, ma fittiziamente, nell'ambito del recupero del ferro, e che emettevano fatture in favore dell'impresa emiliana e di quella abruzzese, per operazioni inesistenti da cui risultava la cessione dei rifiuti. A loro volta le due imprese effettuavano bonifici di denaro a queste società, come corrispettivo fittizio dell'acquisto di materiale ferroso: in seguito i soldi confluivano dai conti correnti delle società destinatarie su conti correnti postali attraverso i quali avveniva il recupero in contanti delle somme di denaro, previo una sorta di 'tassa' che veniva trattenuto da chi gestiva le imprese fittizie. Otto degli arrestati sono della provincia di Chieti, tre di quella di Pescara, uno della provincia di Reggio Emilia e uno della provincia di Teramo.

La prima notizia - "Da questa mattina, carabinieri del Comando Provinciale di Chieti e Finanzieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno unitamente al Nucleo operativo ecologico dell’Arma, stanno dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del Tribunale di Chieti, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di numerosi indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio, autoriciclaggio, dichiarazione fraudolenta dei redditi mediante l’emissione di fatture per operazioni inesistenti, impiego di fatture per operazioni inesistenti al fine di evadere l’imposta sui redditi e sull’Iva e attività organizzata per il traffico di rifiuti". Lo comunica il Comando provinciale.

Alle 11, in Procura, la conferenza stampa in cui verranno resi noti i particolari dell'inchiesta. 

"Nel medesimo contesto, sono state sottoposte a sequestro due società, riconducibili agli indagati, operanti nel settore del recupero dei metalli ferrosi, nonché il sequestro preventivo finalizzato alla confisca di svariati milioni di euro".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi