Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 luglio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Ortona   Cronaca 22/07

La guardia costiera scopre prodotti ittici scaduti rivenduti come buoni a mense e alberghi

Cinque tonnellate ritirate dal mercato

Negli ultimi giorni i militari della Capitaneria di Porto di Ortona, al servizio del comandante Cosmo Forte, con la collaborazione della Asl Lanciano, hanno sequestrato o ritirato dal commercio cinque quintali di prodotto ittico.

Conclusa una complessa indagine nei confronti di un grande centro di distribuzione di prodotti alimentari della provincia di Chieti da cui è emersa una vera e propria attività organizzata mirata alla contraffazione delle etichette identificative di prodotti scaduti o prossimi alla scadenza. I titolari dell’azienda, secondo la ricostruzione dei militari, organizzando una sorta di "stamperia" artigianale e ricorrendo a espedienti quale l’uso di phon per essiccare l’inchiostro, erano organizzati per rimettere in commercio in maniera fraudolenta ingenti quantitativi di prodotti alimentari non più commercializzabili, evitando i costi dello smaltimento e lucrando su generi alimentari privi delle originarie qualità organolettiche.

Dato il rischio concreto per la salute umana, è stato richiesto l’intervento della Asl la quale ha disposto il ritiro dal commercio di quasi 5 quintali di prodotto vario tra cui code di gambero, seppie e totani surgelati già commercializzati su tutta la costa abruzzese. Tra i destinatari del prodotto contraffatto risultano anche mense aziendali, hotel e supermercati.

Continua, inoltre, il contrasto alla pesca illecita da parte di taluni operatori del settore. I militari della guardia costiera hanno sanzionato, fra gli altri, il comandante di un peschereccio che, oltre ai quantitativi di vongole consentite, aveva caricato a bordo e nascosto all’interno di una grata ricavata dal pavimento della barca, oltre 50 kg di prodotto destinato alla vendita al mercato nero. Le vongole pescate abusivamente hanno una doppia valenza negativa: oltre a mettere a rischio la salute umana, infatti, essendo prodotto sottratto dalle tradizionali procedure di depurazione previste dalle norme igienico/sanitarie, vanno a pesare su una risorsa in forte difficoltà riproduttiva, come segnalato dallo stesso Consorzio di gestione vongole che ha appena comunicato la chiusura di diverse zone di pesca per moria del prodotto. Le vongole in questione sono state poste sotto sequestro e rigettate in mare poiché ancora vive.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi