CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Chieti   Cronaca 18/08

Sui social inneggiava al Califfato islamico e alla jihad, 31enne pachistano espulso dall’Italia

Provvedimento del prefetto dopo le indagini di Ros e Direzione antiterrorismo

Armando ForgioneInneggiava al Califfato islamico e alla jihad, la guerra santa. Per questo, un trentunenne pachistano residente a Chieti, Faiz Arslan, è stato espulso dal territorio italiano. Il provvedimento, emesso dal prefetto, Armando Forgione, per motivi di ordine e sicurezza pubblica, è stato eseguito oggi dai carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Chieti in collaborazione con l'Ufficio immigrazione della Questura. 

Il giovane, che risiedeva nel capoluogo da circa tre anni e lavorava in un autolavaggio, è "ritenuto socialmente pericoloso ai sensi della normativa di prevenzione", si legge in una nota del Ros.

L'inchiesta è stata complessa. L'hanno coordinata due magistrati della Direzione distrettuale e antiterrorismo dell'Aquila, il procuratore Michele Renzo e la sostituta procuratrice Simona Ceccarelli. Le indagini dei magistrati, unite a quelle dei carabinieri, "hanno consentito di raccogliere una serie di elementi indicativi di un rapido processo di radicalizzazione", spiegano i militari del Reparto operativo speciale.

Sui profili social del trentunenne i carabinieri hanno trovato "foto e commenti inneggianti alla formazione di un Califfato islamico e alla jihad, sentimenti di odio e disprezzo per le istituzioni democratiche, nonché un completo disinteresse verso l'integrazione nella comunità italiana". L'attività di monitoraggio ha consentito "di cristallizzare una serie di condotte orientate alla propaganda e al sostegno in favore di alcune organizzazioni di segnalata natura estremista o comunque ad esse vicine o riconducibili. I conclamati elementi di pericolosità sociale raccolti dall’Arma, hanno consentito alla Questura di revocare il titolo di soggiorno di cui era titolare il pachistano e di formulare un concreto giudizio di pericolosità sociale del posto a base del provvedimento di espulsione del prefetto di Chieti".

Arslan, che è stato condotto in un centro per rimpatri, è "considerato elemento pericoloso per l’ordine e la sicurezza pubblica, verrà allontanato dall’Italia poiché l’ulteriore permanenza sul territorio nazionale potrebbe agevolare organizzazioni o attività terroristiche, anche internazionali". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi