Pescara   Attualità 05/11

Tribunali minori abruzzesi, salvezza sempre più lontana: bocciato anche l’emendamento di Colletti

Il deputato di Ac: "Nessun gruppo di maggioranza vuole salvare i quattro presidi"

(Immagine di repertorio)Continua l'odissea per i tribunali di Avezzano, Sulmona, Lanciano e Vasto, sempre più vicini alla chiusura, nonostante i tentativi fatti per salvare i presidi territoriali. Questa volta, a subire una sonora bocciatura, è stato l'emendamento proposto dal deputato abruzzese Andrea Colletti (L'Alternativa C'è).

"Dichiarato inammissibile il mio emendamento - spiega l'esponente di Ac - che prevedeva la proroga, fino al 31 dicembre 2024, dei quattro tribunali minori abruzzesi, e cioè quelli di Avezzano, Sulmona, Lanciano e Vasto. La bocciatura è arrivata direttamente dal presidente della commissione Affari costituzionali, Giuseppe Brescia, del Movimento 5 Stelle. Questa è la dimostrazione che nessun gruppo di maggioranza, al di là delle dichiarazioni di facciata, ha intenzione di fare nulla per questi quattro presidi".

Il deputato nei giorni scorsi aveva presentato un emendamento al decreto legge 30 settembre 2021, n.132, recante "misure urgenti in materia di giustizia e di difesa, nonché proroghe in tema di referendum, assegno temporaneo e Irap" in corso di esame in Commissione ai fini della conversione in legge. L'obiettivo di Colletti era quello di "scongiurare la chiusura dei quattro tribunali minori, al momento prevista per settembre 2022 per effetto di diverse proroghe rispetto a quanto inizialmente disposto dalla riforma varata dal Governo Monti nel 2012".

"Sono prorogate al 31 dicembre 2024 le piante organiche del personale amministrativo dei tribunali delle circoscrizioni di L'Aquila e Chieti soppressi - si leggeva nell'emendamento -. Entro trenta giorni dall'entrata in vigore della presente legge e per tutto il periodo corrispondente all'arco temporale della proroga si provvede con appositi provvedimenti del Ministero della Giustizia alla riapertura di una pianta organica flessibile di tale personale da assegnarsi ai singoli distretti con individuazione anche dei posti giudicanti e requirenti, il tutto ai sensi dell'articolo 4, comma 1 e 2, della legge 13 febbraio 2001, n. 481, come modificato dal comma 432 della legge di bilancio per l’anno 2020".

"Mantenere aperti i tribunali vuol dire anche tutelare l'economia dei territori, già duramente colpiti dalla crisi conseguente alla pandemia - prosegue Colletti -. Il rischio è che le conseguenze socioeconomiche siano pesantissime".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Necrologi

         
         

        Chiudi
        Chiudi