Chieti   Cronaca 30/11/2021

Assalto ai bancomat, all’alba il blitz della polizia: tre persone in carcere e una ai domiciliari

Si chiude il cerchio delle indagini attorno ai presunti responsabili di 9 raid

Questura di Chieti (foto tratta dalla pagina Facebook ufficiale)Raccoglievano, in media, 100mila euro ad ogni assalto. Sei furti, 600mila euro. Quattro persone arrestate dalla squadra mobile di Chieti per i raid messi compiuti o tentati ai danni di alcune banche delle province di Chieti, Pescara e Teramo. 

Custodia cautelare in carcere per tre persone: un 62enne di Roma, che la polizia ha definito specialista in reati del genere, e due pescaresi di 70 e 51 anni, che sarebbero stati rispettivamente organizzatore e palo dei furti agli sportelli automatici Atm. Ai domiciliari un sessantenne di Pescara che lavora in un'impresa di installazione e manutenzione di casseforti; secondo gli investigatori, era lui a fornire codici e chiavi d'accesso, consentendo agli altri componenti dell'organizzazione di svuotare i bancomat senza lasciare segni di effrazione.

I furti su cui, a partire dal 2019, hanno indagato i poliziotti della Questura di Chieti sono stati complessivamente nove, tre dei quali solo tentati. 

La prima notizia - Sgominata la banda degli assalti ai bancomat. I poliziotti della Questura di Chieti ritengono di aver chiuso il cerchio delle indagini attorno ai componenti del gruppo specializzato nei furti di denato negli sportelli bancomat del capoluogo e in alcuni comuni della provincia e della regione. 

Stamattina all'alba sono scattati gli arresti. Per le 11,30 è stata convocata in Questura una conferenza stampa in cui verranno resi noti tutti i particolari dell'inchiesta.

In aggiornamento

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi

       

      Chiudi
      Chiudi