CHIUDI [X]
 
Chieti   Attualità 09/12/2021

Reparti in affanno, dura la Asl: "I non vaccinati possono mettere in crisi i nostri ospedali"

Riunita l’Unità di crisi, necessaria rimodulazione dei posti letto

Jacopo VecchietI reparti di Malattie infettive nuovamente in sofferenza in provincia di Chieti, soprattutto a causa della necessità di ricovero dei non vaccinati che contraggono il Covid-19.

Jacopo Vecchiet, direttore della Clinica Malattie Infettive dell’ospedale di Chieti, non usa sfumature per fotografare la situazione attuale dopo l'ultima difficile notte durante la quale sono stati ricoverati altri quattro pazienti in un reparto già affollato: "I non vaccinati possono mettere in crisi i nostri ospedali. Questa è la realtà che va raccontata per dire le cose come stanno, senza drammatizzazioni. Un mese fa avevamo 8 ricoverati per Covid-19, oggi ne abbiamo 30 e siamo al limite della dotazione di posti letto delle Malattie infettive, col fiato sospeso nella speranza che non ne arrivino altri. Il ricovero si rende necessario per i non vaccinati perché hanno problemi respiratori importanti, diversamente dalle persone che hanno completato il ciclo vaccinale per le quali l’infezione si manifesta con sintomi ben più lievi". 

Thomas SchaelA causa dello scenario che si va definendo, sarà necessaria la rimodulazione di alcune attività "per ampliare l’offerta Covid, e rendere disponibili più posti letto".
Il direttore generale della Asl Thomas Schael ha riunito l’Unità di crisi per definire le mosse necessarie per fronte alla nuova ondata pandemica "partendo dalla riconversione, qualora necessario, della Pneumologia dell’ospedale di Chieti e dei posti letto di Day Surgery a Vasto. Inoltre, sempre al fine di poter rispondere adeguatamente a esigenze determinate da nuovi contagi è stata decisa la riattivazione, presumibilmente a partire dal 20 dicembre, della Medicina Covid ad Atessa fino a 10 posti letto, e analogamente presso la Rsa di Casoli. Come già accaduto in passato, tali presidi sono coinvolti nell’azione di alleggerimento dei reparti Covid di Chieti e Vasto, destinati a cure di media e alta intensità".

GLI ANTICORPI MONOCLONALI - Nel corso della riunione dell’Unità di crisi si è parlato anche dell’utilizzo degli anticorpi monoclonali. Il trattamento ha riguardato finora oltre 200 pazienti e "rappresenta una cura efficace con buone ricadute anche sul sovraffollamento degli ospedali. È il caso di sottolineare la validità di questo trattamento – aggiunge Schael – che se fatto per tempo mette in salvo i malati senza necessità di ricovero, liberando posti letto per i malato gravi. È importante che la selezione dei pazienti eleggibili venga fatta in fretta, perché il fattore tempo è essenziale per tale trattamento". 

L'uso degli anticorpi è autorizzato in soggetti di età superiore a 12 anni, positivi e non ospedalizzati per Covid-19, che presentano sintomi moderati da non oltre 10 giorni, e con uno o più fattori di rischio. A individuare i candidabili possono essere medici di medicina generale, pediatri, medici delle Usca e in generale medici che entrano in contatto con pazienti affetti da Covid di recente insorgenza e con sintomi non troppo marcati. 
"L’importante è arrivare presto – conclude Vecchiet – e indirizzare altrettanto precocemente il paziente alle Malattie Infettive di Chieti e Vasto, le unità operative identificate per la prescrizione e la somministrazione della cura. La nostra esperienza con i monoclonali è assolutamente positiva, ma esprimono tutta la loro efficacia se usati ai primi sintomi della malattia".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi

       

      Chiudi
      Chiudi