Ortona   Cronaca 21/01

Barca da diporto "diventa" imbarcazione da pesca: Capitaneria di Porto la sequestra

Il numero di matricola sulla fiancata della barca era realizzato a mano

Continuano, da parte delle donne e degli uomini della Capitaneria di Porto di Ortona, le attività di controllo sul territorio, a tutela del bene 'Mare' sotto tutti gli aspetti. Proprio nei giorni scorsi è stata portata a termine una attività d'indagine che ha consentito, previ appostamenti e verifiche incrociate tramite le banche dati in uso al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, di smascherare un pescatore che aveva ben pensato di adibire ad imbarcazione da pesca, con tanto di licenza e matricola, una semplice barca da diporto, sulla quale erano state apportate delle modifiche esterne e iscrizioni sullo scafo.

Ad insospettire i militari della Guardia Costiera durante un ordinario controllo in mare, è stata proprio l'iscrizione della matricola sulla fiancata della barca, realizzata a mano, e la presenza di un verricello salpareti, attrezzo tipico di una unità da pesca professionale. Dai controlli successivi è risultato che l'unità, di stanza nel porticciolo di Vallevò, non solo veniva utilizzata abusivamente come ordinario mezzo di lavoro per la pesca di grandi quantitativi di prodotto ittico, ma che per aggirare eventuali controlli sulla stessa erano stati utilizzati documenti – tra cui la licenza di pesca rilasciata dal Ministero – appartenenti ad un'altra imbarcazione. L'unità in questione, pericolosa per la navigazione e per l'ambiente marino, data anche la presenza di modifiche apportate allo scafo senza alcuna certificazione di sicurezza, è stata posta sotto sequestro, con provvedimento convalidato dall'Autorità Giudiziaria di Lanciano.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi

     

    Chiudi
    Chiudi