Ortona   Cronaca 23/01

Carabinieri Forestali sequestrano esche e bocconi avvelenati

Le sostanze erano potenzialmente letali per animali e pericolose per l’uomo

Nei giorni scorsi, i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Ortona, su segnalazione di un cittadino, hanno rinvenuto in un’area della frazione del Comune di Ortona buste contenenti rodenticida posizionate per colpire, con tutta probabilità, animali vaganti o di proprietà. Dopo aver sequestrato nell’immediatezza la sostanza, che è stata conferita all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale competente per gli accertamenti di rito, i militari hanno richiesto l’attivazione dell’Unità Cinofila Antiveleno (U.C.A.) appartenente al Reparto Carabinieri Parco di Assergi per ispezionare l’area alla ricerca di materiale tossico, esche e/o bocconi avvelenati. L’ispezione è stata positiva ed ha consentito di individuare altre 3 esche confezionate con matrice di carne, potenzialmente letali. Nella zona interessata ed in altre limitrofe, si sono verificati in passato episodi di mortalità di animali d’affezione.

L’odiosa, arcaica pratica del veleno è ancora in uso su tutto il territorio nazionale e colpisce molte specie di animali selvatici (predatori come lupo, orso, volpe) e domestici (cani, gatti sia randagi che di proprietà) provocando atroci sofferenze. Le sostanze tossiche utilizzate sono molte, alcune si trovano in commercio in quanto impiegate come insetticidi, molluschicidi, altre sono reperite clandestinamente perché illegali. Ma non sono solo gli animali a pagarne le conseguenze: l’uso illegale di queste sostanze può essere estremamente pericoloso anche per la salute dell’uomo, in particolare dei bambini che inconsapevolmente possono toccare o ingerire bocconi avvelenati. 

Nei giorni scorsi, i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Ortona, su segnalazione di un cittadino, hanno rinvenuto in un’area della frazione del Comune di Ortona buste contenenti rodenticida posizionate per colpire, con tutta probabilità, animali vaganti o di proprietà. Dopo aver sequestrato nell’immediatezza la sostanza, che è stata conferita all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale competente per gli accertamenti di rito, i militari hanno richiesto l’attivazione dell’Unità Cinofila Antiveleno (U.C.A.) appartenente al Reparto Carabinieri Parco di Assergi per ispezionare l’area alla ricerca di materiale tossico, esche e/o bocconi avvelenati. L’ispezione è stata positiva ed ha consentito di individuare altre 3 esche confezionate con matrice di carne, potenzialmente letali. Nella zona interessata ed in altre limitrofe, si sono verificati in passato episodi di mortalità di animali d’affezione.

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi

     

    Chiudi
    Chiudi