Chieti   Attualità 29/03

Alla D’Annunzio riparte la mobilità Erasmus: iscrizioni al bando aperte fino al 3 aprile

L’esperienza formativa permette di studiare o lavorare all’estero

L'ateneoCHIETI - L'Università degli Studi "Gabriele D'Annunzio" comunica che le richieste di partecipazione al Bando Erasmus 22/23 saranno accettate fino al 3 aprile 2022.
La mobilità Erasmus permette agli universitari di studiare o svolgere le attività di tirocinio previste obbligatoriamente nei piani di studio in Europa e anche in alcune destinazioni extra europee.

Nel caso della mobilità "classica", gli studenti sono tenuti a scegliere un ateneo dove frequentare le lezioni e sostenere alcuni esami della propria carriera. Nel caso del tirocinio, gli studenti dovranno invece trovare un'azienda disposta ad accoglierli per svolgere l'esperienza lavorativa. Gli studenti, in fase di candidatura devono verificare il livello di lingua richiesto dalla sede estera. Il possesso delle conoscenze linguistiche è fondamentale per poter essere accettati presso la sede estera che, in caso di mancato possesso del livello minimo potrebbe rifiutare la mobilità.

Chi è in possesso di una certificazione linguistica in corso di validità dovrà presentarla all'atto della domanda, altrimenti sarà tenuto a sostenere un test online organizzato dal Centro Linguistico d'Ateneo, che fornirà i livelli di competenza linguistica dello studente, naturalmente corrispondenti al Quadro Comune Europeo di Riferimento. Il periodo di mobilità è compreso tra un minimo di 60 giorni e un massimo di 12 mesi ed è prevista l'erogazione di contributi economici commisurati al costo della vita nei Paesi ospitanti.

Tutte le informazioni sono disponibili sulla pagina dell'ateneo

di Lorenzo Scampoli (lorenzo.scampoli@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi

     

    Chiudi
    Chiudi